I L   T E R R I T O R I O

    Il territorio, abitato fin dal periodo neolitico, disseminato di tracce di insediamenti umani del periodo nuragico, cartaginese e romano.
    Testimonianze di tali periodi sono "Is domus de Janas" del periodo neolitico; lo straordinario nuraghe di Senismannu ed il sito di Santa Vittoria, dove recenti scavi hanno riportato alla luce una pietra sacrificale; da citare anche il castello "Funtana Menta", nella zona di "Su casteddu", di cui oggi non rimangono altro che ruderi.
    Di notevole rilevanza il palazzo baronale, risalente al 1662, oggi completamente restaurato, comprendente la Casa padronale, le stalle, le carceri, una gran torre e il tancato "Is Nueddas", originariamente il giardino del palazzo, in cui, sul lato destro del Rio Imbessu, si trova la famosa fontana spagnola, costruita intorno al 1600, scolpita in trachiti di vario colore, in cui, quasi intatte, si conservano le figure di due cigni, in bassorilievo, il mascherone ed altri disegni ornamentali.
    Da visitare, inoltre, la Chiesa Parrocchiale di San Giovanni, risalente al XVI secolo, che conserva alcune sculture quali l'altare del Rosario e la base dell'altare maggiore, risalente al 1608 che originariamente era la pila dell'acqua santiera.